.
Annunci online

  Oltre [ l'oblio è pieno di memoria ]
         

Creative Commons License


I testi originali di questo blog sono tutelati da Creative Commons License.


1 marzo 2005

Dubbio

Uscito nelle sale italiane da neanche 10 giorni, il nuovo film di Asia Argento “Ingannevole è il cuore più di ogni cosa”, tratto dall’omonimo romanzo di J.T. LeRoy, a Roma è quasi sparito: ad oggi lo proiettano solo all’Adriano e al Mignon. E se aspetto ancora prima di andarlo a vedere, capace che venerdì lo “smontano” del tutto. Ma è davvero così brutto? Nel dubbio ecco un’altra recensione…

Ingannevole è il cuore più di ogni cosa. L'America cinica che divora i bambini.

Articolo di Roberto Silvestri.

Ingannevole è il cuore più di ogni cosa, il film number two dopo ,Scarlet Diva di Asia Argento, protagonista, co-sceneggiatrice e regista di un film italo-franco-anglogiapponese che invece è un «tutto prosa» nonostante lo svolazzare di cormaniani corvi dalle esiziali, mortifere, maschere rossa. E ha star trasversali invitate per farsi omaggiare: Winona Ryder, Peter Fonda, Ornella Muti e Marilyn Manson. Jeremiah non ha più tempo per lamentarsi: è un pupo biondo e tenero di 9 anni. E ne passerà di tutti i colori, dentro davanti e di dietro, sballottolato come è da una famiglia adottiva ai nonni, mostri di bigottismo, dalla mamma irresponsabile, inacidita dalle pillole e dalla sua specialità (mettere a repentaglio la morte) e dai suoi amanti, una collezione di Satan's sadists, pedofili drastici o dolci, hell's angel esplosivi, camionisti dai pessimi gusti country, o Marilyn Manson che scambia nel letto Asia Argento per Jonathan, ormai travestito da lei e molto ben truccato... Riuscirà a sopravvivere, il ragazzo, fino a 12 anni, trovandosi d'un tratto immerso in piena zona nemica, tra mostri che vogliono disintegrarlo, come Cristo a Gerusalemme o come uno yankee finito dentro il paesino confederato dei «2000 maniacs» (il film di H.Gordon Lewis è citato esplicitamente)?

Il film è una radiografia fin troppo spirituale, anzi una planimetria e una bioscopia mistica al tempo stesso, dell'America di oggi - sta messo molto male, dentro, il cuore dell'Impero - condotta con in tasca la bussola più preziosa. Un passato di cinefila, capace di interpretare e tradurre in veloci immagini sporche la scrittura fuck you di J.T. Leroy. Che potrà non esaltare, ma che ha l'ingrato compito di introdurre un bel bisturi dentro la pancia di un paese che, puritano come è, non vorrebbe mai vedere come sono fatti i suoi nervi, le fibre, i muscoli e il midollo spinale purulento. Ci deve essere qualcosa di subumano, oltre che di sovrumano, nella visione del mondo della metà Bush degli Usa, visto che questo integralismo giudaico-protestante sta guidando il mondo alla sua inconsapevole dissoluzione.

Asia Argento, come fosse un cineasta iraniano, mette un bambino a rischio davanti allo spettatore. Ma, come un cineasta iraniano non farebbe mai, non dà affatto tutta la colpa alla donna liberata. Anzi ci dice qualcosa. Ancora uno sforzo, e liberandosi ancora di più libereremo tutti. Perfino i nonni incestuosi.

Tratto da “il manifesto” di sabato 19 Febbraio 2005, pag. 16.



permalink | inviato da il 1/3/2005 alle 9:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     gennaio       
 


Ultime cose
Il mio profilo



Roma Pedala
L'Unità online
Il manifesto online
La Repubblica online
Consumo Responsabile
critical mass
Emergency
Club Alpino Italiano
C.A.I. Sezione di Roma
C.N.G.E.I.
Economia Politica
università
Centomovimenti
Aprile per la Sinistra
MontesaCritical Mass
controluce
lifting
ale roots
pescetrombetta
gianni maroccolo
rael is real
Passalibro
BookCrossing
Wu Ming
I Miserabili
La Rivist@ di Roma 3
carlo lucarelli
mel
nicolas eymerich
personalità confusa
blog-ink
blogdiscount
trespass
marlowe
miele98
bacco
fetish
casacannocchio
pirata
francescoblog
lipperatura
e-carta
lavorarestanca
the journal
squilibri precari
Adscendere necesse est...
Appenninik


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom