.
Annunci online

  Oltre [ l'oblio è pieno di memoria ]
         

Creative Commons License


I testi originali di questo blog sono tutelati da Creative Commons License.


13 aprile 2005

Un capolavoro!!!

Torna "Giustizia", capolavoro di Friedrich Dürrenmatt.

Se il potere batte la legge.

Recensione di PAOLO RUMIZ.

Un ricco notabile svizzero - Isaak Kohler - uccide un uomo in mezzo a un ristorante «non senza averlo salutato cordialmente», si lascia docilmente arrestare, loda i giudici per la condanna a vent'anni che subisce, va soddisfatto in carcere, diventa detenuto modello, senza mai svelare - contro ogni logica investigativa - alcuna motivazione del suo gesto. Ma l'evento paradossale, che scuote la provincia subalpina, è solo il primo di una serie di colpi di scena pilotati dall'assassino, che riesce a muovere spavaldamente dal carcere alcuni uomini-pedine. Tra essi il protagonista, un avvocato spiantato di nome Spaet, cui il consigliere cantonale Kohler propone di «riesaminare il caso partendo dall'ipotesi che l'omicida non sia lui».

E una sfida apparentemente senza senso - tutti hanno visto l'omicida sparare –che invece si rivela vincente, e si conclude con l'assoluzione del notabile, il suicidio di un altro possibile colpevole e una raffica di morti ammazzati. E la trama di Giustizia, scritto nel 1985 da Friedrich Dürrenmatt e tradotto - in modo eccellente, da Giovanna Agabio - per la Marcos y Marcos editore, pagg. 218, euro 13,50. Un giallo magistrale, ricco di dettagli e sorprese, forse il capolavoro dell'autore. Un ritratto sociale, una radiografia del mondo calvinista subalpino dove il senso di colpa si insinua ovunque e schiaccia chiunque, avverte l'autore, ma non i ricchi. Per esempio l'utilitaria Volkswagen e la mansardina del protagonista, avvocato di mezza tacca, non sono solo, osserva con disprezzo un collega di questi, «un indizio di povertà sociale, ma anche di povertà spirituale». È esattamente per questo che il ricchissimo assassino, «uno a cui piace giocare la parte di Dio in questo miserabile pianeta», trova in Svizzera il suo habitat perfetto e il luogo ideale per uccidere in pubblico proprio come atto di sfida. Modo di misurare la sua invulnerabilità, ma anche «di indagare - con la freddezza di un entomologo di un giocatore di biliardo - le leggi che costituiscono il fondamento dell'umana società».

Dürrenmatt non ama i ricchi. A loro dedica le pagine più caustiche del libro. In Svizzera, racconta, essi hanno un rapporto preferenziale con dio. Nelle loro ville, scrive, non soffia neppure il Foehn, in vento caldo invernale che «provoca cefalee, suicidi, adulteri, incidenti stradali e atti di violenza». Ma in fondo è tutta la benestante, perbenista, timorata Svizzera che lo scrittore prende di mezzo. E’ quello l'oggetto vero del suo disprezzo.

Così, alla fine, l'omicida giganteggia, svela persino una statura morale. Il consigliere cantonale - scrive Dürrenmatt nelle ultime righe - non ha forse agito in modo simile a dio? L'avvocato che, su suo incarico, si mise a cercare un altro assassino che non esisteva, non si comportò forse «come l'uomo, quando mangiò il frutto dell'albero della conoscenza del bene e del male, ed ebbe il compito di trovare il dio che non esisteva, il demonio?». E ancora, si chiede l'autore, chi è colpevole? Chi dà l'incarico o chi lo accetta? Chi vieta o chi non osserva il divieto?

La struttura del giallo è assolutamente unica. Un narratore che, prima di morire anni dopo di alcol e rimorsi, scrive un suo testo dattiloscritto per ristabilire «quanto meno un'idea plausibile di giustizia», affinché la storia non diventi «una farsa totale». E questo incredibile manoscritto che l'autore rinviene e con esso - ecco forse l'invenzione più geniale del thriller - si reca dagli stessi protagonisti-complici dell'omicidio per scoprire l'ultima, inattesa verità. E una rivelazione che, a poche righe dalla fine e a thriller apparentemente risolto - dà senso nuovo a tutta la storia. E fa saltare del tutto i labili confini che - nella nostra società - esistono tra etica e opportunismo, dipendenza e libero arbitrio.

Tratto da “la Repubblica” del 9 Aprile 2005, pag.47.




permalink | inviato da il 13/4/2005 alle 8:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa


sfoglia     marzo       
 


Ultime cose
Il mio profilo



Roma Pedala
L'Unità online
Il manifesto online
La Repubblica online
Consumo Responsabile
critical mass
Emergency
Club Alpino Italiano
C.A.I. Sezione di Roma
C.N.G.E.I.
Economia Politica
università
Centomovimenti
Aprile per la Sinistra
MontesaCritical Mass
controluce
lifting
ale roots
pescetrombetta
gianni maroccolo
rael is real
Passalibro
BookCrossing
Wu Ming
I Miserabili
La Rivist@ di Roma 3
carlo lucarelli
mel
nicolas eymerich
personalità confusa
blog-ink
blogdiscount
trespass
marlowe
miele98
bacco
fetish
casacannocchio
pirata
francescoblog
lipperatura
e-carta
lavorarestanca
the journal
squilibri precari
Adscendere necesse est...
Appenninik


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom